La “Dama Sarda” della dolce morte, che poneva fine alle sofferenze dei malati terminali: S’Accabadora.